lunedì 28 maggio 2018


A BIELLA IL TORNEO BON PRIX MEMORIAL RONDO U16
TERZO POSTO PER LA U14 A SETTIMO TORINESE

U18. Biella Rugby sconfitta a Torino dal Cus 27-20. Hanno segnato: Lamagna, Protto e Sarlo. Trasformazioni e calci di Mattia Marcuccetti. La lista gara: Galfione; Lamagna, Chambriand, Boraso, Addaris; Marcuccetti, Martinetto; Baldassi, Protto, Mouchtaki; Destro, Caruso; Agnolio, Lanza, Morandini. A disposizione: Salussolia, Bottura, Delpiano, Sacchi, Macchniz, Sarlo, Caruso. Domenica la gara di ritorno a Biella.
U16. Si è giocata a Biella domenica, la quarta edizione del Torneo Bon Prix – Memorial Alberto Rondo riservato alla categoria. Biella, presente con due squadre, si è classificata al terzo (Brc verde) e quarto posto (Brc bianca). Il torneo è stato vinto da Rovato, seguito da Aix Les Bains. Quinto posto per Stade Valdotain, a seguire Delbio. A premiare la squadra vincitrice del torneo, i genitori di Alberto Rondo, che per tutta la giornata, hanno presenziato alle gare.
U14. Impegnati a Settimo Torinese nella undicesima edizione del Torneo della Torre, i giovani biellesi hanno spuntato un ottimo terzo posto su sedici squadre partecipanti. Primi in uscita dal girone eliminatorio con tre partite vinte: Brc vs Rivoli 20-0 (mete di Testa, Mondin, Mureddu e Palmieri, tutte trasformate da Danasino), Brc vs Rugbio 38-0 (mete di Testa, Gruppo, Danasino, Pearson (2) e Givonetti. Trasformazioni di Danasino, Nicolo e due di Negro), Brc vs Villorba 7-0 (meta di Gruppo trasformata da Danasino). Nella semifinale per il 1°-4° posto, Biella ha perso 29-5 con Pro Recco, squadra vincitrice del torneo, meta segnata da Gruppo. Nella finale per il 3°-4° posto, Biella ha battuto Lecco 21-7. Mete di Danasino, Testa e Pearson, tutte trasformate da Danasino. (Paola Giacchetti)














Per L’Amatori Genova è stata un’annata in crescendo che ha portato ad una promozione in Serie B a dir poco storica. Storica per una Società che da sempre ha professato il piu’ puro dilettantismo, portando avanti con tenacia tutte le attività del rugby giovanile, propaganda compresa, ma che andrà a confrontarsi con formazioni di buon livello, alcune con figure professionistiche di qualità.
(da sin. Paul e David Marshallsay)

 Ha vinto la squadra va bene, ma PAUL MARSHALLSAY, l’head coach del team blaugrana, ci ha messo del suo, e da buon cussino che non demorde non si è certo arreso nei momenti critici che inevitabilmente ha incontrato durante il campionato di Serie C1., dove solo all’ultima partita in programma in quel d’Ivrea, ha potuto festeggiare definitivamente. Ad inizio del torneo pochi credevano ad una eventuale promozione, ma il tecnico britannico non ha mai abbandonato questa idea, azzeccandoci in pieno in extremis.
“ A dire il vero ad inizio del torneo le voci che circolavano erano discordanti – dice lo stesso allenatore – soprattutto quando abbiamo commesso qualche passo falso, invece noi ci abbiamo sempre creduto. Certo è stato meno facile di quello che credevamo, in quanto gli avversari alla lunga si sono dimostrati team molto preparati, e questo forma piu’ valore a questa nostra storica promozione. 
Attualmente mi sto prendendo meriti che non sono solo miei, me li prendo tutti ovviamente in ragione anche che prima da vice allenatore non venivo considerato piu’ di tanto, ed ora mi va bene così, anche se bisogna considerare che Davide Palomba, per esempio, è risultato l’uomo chiave della squadra, e grazie anche al suo impegno l’Amatori è cresciuto nel tempo. Ed io colgo l’occasione per ringraziarlo.”
Paul Marshallsay aveva in pratica un allenatore in campo, Palomba appunto, ma il tecnico aveva in campo anche un fratello gemello, DAVID che come lui nel tempo ha difeso i colori del CUS Genova.
“ Vengo scambiato spesso per mio fratello è ovvio – dice DAVID MARSHALLSAY – e spesso mi viene chiesto se allenavo qualche compagine di rugby. Con l’Amatori Genova sono ritornato a giocare e a divertirmi in campo, quasi come ai vecchi tempi e con un bel gruppo di compagni, e così anche qui a Sant’Olcese se nè ricreato un’altro. Del resto con noi giocano Colloca, Gerli, Riccobono, Gilardi etc. etc., e proprio loro hanno aiutato molto a portare avanti questo nuovo gruppo, inserendoci insieme a dei nuovi stupendi ragazzi già nel club prima di noi.  Da ottobre sarà Serie B, sarà impegnativo va bene, ma cercheremo di onorare questo impegno, intanto siamo già lavoro per questo. “
Individuare già ora i futuri avversari nel Girone 1, salvo qualche eventuale modifica, non è poi così difficile e comunque si dovrebbero trovare le due isolane del Capoterra e dell’Alghero, se non verranno spostate ad altro girone, Amatori Novara, Lumezzane, Bergamo, Sondrio, Monferrato, Amatori & Union Milano, Lecco, Piacenza R.C...........si vedrà

domenica 27 maggio 2018



GRANDE FESTA di FINE STAGIONE 2017/18

Risultati:
Tutte le squadre hanno giocato delle amichevoli fatta esclusione per la U14 maschile che ha dato vita ad un triangolare con il Volpiano e il CAM RUGBY.
San Mauro – Volpiano           70 - 0
San Mauro – CAM                 12 – 26

SENIORES -  San Mauro – Bogia Nen RFC   21 -21

(In foto la prima squadra del San Mauro che ha affrontato il team dei BUGIA NEN -   trad. Non ti Muovere)


TUTTE LE STAGIONI IN UN GIORNO SOLO: UNA BELLISSIMA FESTA

Ed ecco che, anche quest’anno, siamo giunti al termine della stagione sportiva.
Abbiamo lavorato con entusiasmo per tutto l’anno: allenatori e giocatori, dirigenti e volontari, mamme e papà… tutti insieme per far divertire i ragazzi e le ragazze, per far conoscere ai più piccini un bellissimo sport, per far crescere gli altri giocatori, per supportare e tifare la Prima Squadra.
Insieme al gruppo degli OLD Highlanders Zero11, abbiamo dato vita a questa festa di chiusura stagione.
Come l’anno scorso, sono stati nostri graditissimi ospiti i vicini francesi del CAM RUGBY giunti da Saint Jean de Maurianne e poi il Chieri, il Moncalieri, La Drola Rugby e i nostri cugini del Volpiano.
E’ proprio con i giocatori d’oltralpe che abbiamo dato il via agli incontri: i nostri OLD si sono confrontati con i loro in un vivacissimo match pieno di carattere e molto suggestivo.


(Il folto gruppo di Old)

A seguire i più piccini, dalla Under 6 alla Under 12: il sole, molto caldo, ci ha fatto sentire aria di vacanza; ci siamo ritrovati, improvvisamente, a giocare sotto un solleone di piena estate ma, nel momento in cui le U14 femminili e maschili entravano in campo, il cielo ha cominciato ad oscurarsi. Tuoni e fulmini hanno dato fatto da cornice all’inizio dei loro incontri per poi lasciare il posto ad una pioggia torrenziale che ha accompagnato, purtroppo, anche tutte le altre partite.
E, nel giro di pochi minuti, siamo passati dall’estate all’inverno: la temperatura è calata, fiumi di acqua percorrevano i campi da gioco e anche le strutture sotto le quali si svolgeva il Terzo Tempo sono state bersagliate da pioggia e vento. Fango ovunque. Abbiamo dovuto aspettare quasi il tramonto per vedere deboli raggi di sole fare capolino tra i nuvoloni, illuminando il cielo di una luce surreale, mentre i giocatori della Prima Squadra scendevano in campo contro i Bogia Nen RFC: ultimo match ricco di forza e carattere.
Nonostante il diluvio ed il calo della temperatura la festa è andata avanti come previsto e, tutti insieme, abbiamo poi festeggiato la fine di questa stagione: tanta gioia e un po’ di tristezza, tanta allegria, buona compagnia e spensieratezza hanno concluso una giornata speciale di un’annata altrettanto speciale.
Il Rugby San Mauro vi dà appuntamento a fine agosto per l’inizio di una nuova avventura!




Il mese di maggio 2018 resterà negli annali degli Etruschi Livorno, sia per i risultati tecnici ottenuti nei vari tornei (su tutti la prima piazza colta con l'under 8 nel 10° 'Città di Perugia'), sia per l'organizzazione – perfetta a detta di tutti gli intervenuti – della seconda edizione del Trofeo Cacciucco. Alla manifestazione, curata nei minimi particolari dalla stessa società verde-amaranto, hanno partecipato 600 giovanissime promesse della palla ovale. 

Sul campo da gioco 'Tamberi' (da tempo quartier generale degli Etruschi) e sul terreno del Centro Coni di Tirrenia, si sono simpaticamente sfidate le squadre under 12, 10, 8 e 6 di dieci società. La presenza di un sodalizio francese (la formazione corsa del Rugby Club Lucciana) ha dato un tocco di internazionalità all'evento. Al via, oltre al Lucciana ed ovviamente ai padroni di casa degli Etruschi Livorno, anche Lions Amaranto Livorno, Piacenza Rugby Club, Scuola Rugby Dosson (Treviso), Oltremella Rugby (Brescia), Rugby Lucca, Valdinievole Rugby, I Titani Viareggio e I Puma Bisenzio. Nella prima fase dell'evento, nel corso della mattinata, partite degli under 6 e degli under 12 a Tirrenia e degli under 8 e degli under 10 al 'Tamberi'. Poi tutti quanti (inclusi under 6 e under 12) al 'Tamberi', dove si è consumato il terzo tempo – piatto base, ovviamente il cacciucco –, dove si sono giocate tutte le gare finali e dove hanno avuto luogo le premiazioni. Tra gli under 6, podio composto da Piacenza (primo), Etruschi (secondi) e Oltremella (terza). Tra gli under 8 Etruschi '1' in prima posizione, seguiti da Lions (secondi) ed Etruschi '2' (terzi). 
Trevigiani del Dosson primi tra gli under 10, davanti a Lions (secondi) ed ai corsi del Lucciana (terzi). Anche tra gli under 12, medaglia d'oro al Dosson, con argento al Piacenza e bronzo agli Etruschi. Manifestazione omologata dalla FIR, pratrocinata dal Comune di Livorno, dalla Regione Toscana, dalla stessa Federugby e dalla Panathlon Club Livorno. Premi speciali. Miglior Piazzamento con tutte le under: Piacenza. Originalità Fan Club: Lions. Mangiatori di Cacciucco: Dosson. Società più numerosa: Lucciana. Fair Play: allenatore under 10 Dosson (Coppa offerta da Panathlon Club Livorno). Presente alle gare ed alla cerimonia di premiazione l'Assessore allo Sport del Comune di Livorno Andrea Morini. 
Presenti, ovviamente, tutti i componenti della grande famiglia degli Etruschi, instancabili nell'organizzare la kermesse ed orgogliosi di abbinare la palla ovale con il piatto tipico della cucina livornese, il cacciucco appunto. 
(Fabio Giorgi)



FEMI-CZ RRD: IL CUORE NON BASTA AI GIOVANI BERSAGLIERI, IL VALSUGANA VINCE 29-17 AL BATTAGLINI
I giovani bersaglieri dell’Under 18 Elite, chiamati oggi ad un’impresa molto difficile, hanno disputato una partita di gran cuore contro il Rugby Valsugana, perdendo però 17-29.
Una partenza a razzo per i giovani rossoblù che già al 4’ vanno in meta con Bordin sul campo 1 del “Battaglini”. Rovigo continua a spingere, ma è il Valsugana al 11’ a pareggiare i conti con una bella azione dei tre quarti. Di nuovo avanti i giovani rossoblù che al 16’ vanno oltre la linea di potenza con Lugato, quattro minuti dopo però il Valsugana sfrutta con astuzia una palla uscita lateralmente da una mischia e vola in mezzo ai pali. Il primo tempo finisce in parità 12-12.
Nel secondo tempo al 4’ con un calcio piazzato e al 13’ con una meta è il Valsugana a segnare punti. La meta di Scarparo al 23’ tiene in corsa i padroni di casa, ma il Valsugana sigilla la sua superiorità marcando la quarta meta al 30’ sfruttando una situazione caotica nei 22 metri dei rodigini. La partita termina sul punteggio di 17-29.
I rossoblù oggi hanno subito davanti ad un avversario maggiormente preparato sia in mischia che in touche. Complimenti al Valsugana che ha meritato il successo odierno e dimostrato di essere la squadra favorita per la vittoria del Campionato. I giovani rossoblù oggi in campo hanno mostrato la loro determinazione di fronte ad un avversario più forte, dando sempre il massimo. In settimana bisognerà prepararsi al meglio, per l’ultima partita di playoff, domenica prossima a Milano.
Mete: Bordin, Lugato, Scarparo
Trasformazioni: Borin (1)
Rossoblù scesi in campo
: Marra, Bordin, Teneggi, Modena, Zeggio, Borin, Visentin A., Biondi A., Lugato, Roncon, Chiarello, Parolo, Bellettato, Tellarini, Vecchini, Scarparo, Rubello Vegro, Costantini, Carretta, Quadri, Ceglia.












 Trionfo ai campionati nazionali under 11 riservati alle scuole primarie per la 'Nazario Sauro' dell'istituto comprensivo 'Anchise Picchi' di Collesalvetti, tutorate dal Rugby Etruschi Livorno. Il gruppo allenato da Carlo Ghiozzi ed accompagnato dalla maestra Maria Gabriella Cei ha vinto imbattuto il titolo italiano. Nella fase finale del torneo, svoltosi ad Ancona venerdì 25 e sabato 26 maggio, la rappresentativa colligiana ha dominato la scena. La compagine del 'Picchi' – formata da allievi della 5° A e della 5° B – ha ottenuto cinque vittorie su cinque partite. Una due giorni intensissima e davvero ricca di allori per i dieci piccoli-grandi giocatori, che dunque hanno 'caricato' sulle sponde dell'Adriatico il titolo italiano e se lo sono portati a Collesalvetti. Questi gli atleti campioni nazionali (cinque giocatori della 5° A e cinque della 5° B): Giorgio Cozzolini, Lorenzo De Luca, Francesco Parisi, Edoardo Parri, Samuele Serafini, Giuseppe Caputo, Federico Cicinelli, Gabriele Leoni, Sefedin Sabli, Andrea Stipcevich. Partite 'seven': squadre composte da sette elementi, con rotazioni continue e cambi senza limiti, come nel basket. 
Presenti nella città dorica oltre 2000 studenti-rugbisti per le varie categorie (under 14, 12, 10 e, appunto, under 11). Nel proprio girone eliminatorio del venerdì, i colligiani hanno battuto la selezione Valle d'Aosta '2' 10-0 (ogni meta un punto), il Cittadella Marche 4-3 ed il Don Giussani di Ascoli Piceno 3-2. Poi, nella giornata di sabato, nel triangolare di finale, successo con la Valle d'Aosta '1' 7-0 e con la scuola 'Maggione' di Perugia 3-2. L'eccezionale risultato premia gli sforzi effettuati dagli atleti, che con grande entusiasmo hanno partecipato, dall'inizio della stagione agonistica, al progetto tutorato dal Rugby Etruschi: in parte gli allenamenti hanno avuto luogo a Collesalvetti, ed in parte al campo 'Tamberi', in via Russo, a Livorno (dove non sono mancate partite con le prime medie delle Mazzini, delle Micali e Maria Ausiliatrice di Livorno e Fattori di Rosignano). Una 'meta' di grande prestigio: superfluo sottolineare la soddisfazione di tutte le componenti scolastiche che hanno contribuito al progetto e della società verde-amaranto, che da sempre collabora in modo proficuo con istituti di Livorno e delle zone limitrofe. Il lavoro paga sempre.
 Dieci e lode per i dieci giocatori-allievi, che così chiudono in modo memorabile i loro cinque anni vissuti nelle scuole primarie (o elementari che dir si voglia). Ora, con l'inizio delle scuole medie, potranno abbinare l'impegno scolastico con l'impegno (federale) rugbistico (con gli Etruschi, ovviamente).



Ad Otranto la SP235 centra il successo 

La Regular Season del Magna Grecia Beach Rugby Cup prende il via con la Tappa di Otranto. Ospiti del Balnearea Beach, sull’arenile degli Alimini, si sono affrontate sei squadre. Nel Girone A con i campioni in carica del Salento primi, gli Orsacchiotti del Trepuzzi giungono secondi mentre i Pellegrini di Taranto terzi.

(I provinciali baresi del Santeramo vincitori della tappa di Otranto)


Nel Girone B sono gli SP235, della Union Santeramo, a giungere primi mentre gli Hellfish si aggiudicano alla sudden death la piazza d’onore sui Panthers di Trepuzzi. 

Le semifinali vedono primeggiare il Salento sugli Hellfish e i santermani sugli Orsacchiotti. 

La finale per il quinto posto è appannaggio dei tarantini che battono i Panthers. Gli Hellfish cedono il passo agli Orsacchiotti che giungono terzi. 
La finale tiratissima, giocata punto su punto, è vinta dalla SP235 sul Salento Rugby. I ragazzi della Union portano a casa un importante successo in vista della qualificazione al Master Finale di Torre San Giovanni del 15 luglio prossimo.




















A BIELLA IL TORNEO BON PRIX MEMORIAL RONDO U16 TERZO POSTO PER LA U14 A SETTIMO TORINESE U18. Biella Rugby sconfitta a Torino dal ...