giovedì 18 gennaio 2018


Il campionato è fermo, ma le nostre attività proseguono!

In particolare, vogliamo presentare ufficialmente un progetto che sta molto a cuore al Club e che vive in parallelo alla stagione agonistica della Prima Squadra: la creazione di una Squadra Cadetta, affiliata UISP. 

(Una immagine dal test di C2 fra Golfo dei Poeti e Rufus, giocato a San Vincenzo - foto di Paola Ruggieri)

Sin dall'inizio della stagione, infatti, nonostante siamo una Società nata quest'anno, abbiamo notato la grande affluenza agli allenamenti di tantissimi atleti con tanta voglia di imparare e di divertirsi con il Rugby, ma senza nessuna esperienza. Tanto grande è stata ed è l'affluenza che il sogno finalmente può diventare realtà: creare una Seconda Squadra da iscrivere il prossimo anno al Campionato UISP, per permettere a tutti di familiarizzare con il Rugby, imparare e soprattutto fare esperienza competendo per davvero contro alle realtà non agonistiche, in maniera da crescere individualmente, come squadra e sopratutto come Club, gettando basi solide per il futuro. 
Quindi, sei sei interessato a praticare il Rugby, ma hai paura perchè non ne sai nulla, ora non hai proprio più scuse! Vienici a trovare il martedì dalle 21.00 e il giovedì dalle 20.30 al Campo Sportivo "Denis Pieroni", in Via della Pieve, a La Spezia! Per ulteriori informazioni, non esitare a contattarci qui sulla Nostra Pagina Facebook o scrivendo all'indirizzo email info@golfodeipoetirugbyclub.it!


RUBANO - CUS ANTENORE ENERGIA 12-24
Grande vittoria dei cussini sugli storici rivali del Rubano che permette di tirare un sospiro di sollievo dopo ben 3 sconfitte consecutive.
L'avvio di gara è molto teso, con le due squadre che provano ad attaccare ma che faticano a trovare dei varchi.
I due mediani d'apertura Decina e Fanton, provano a muovere il tabellino ma entrambi falliscono l'opportunità dalla piazzola. La seconda parte della prima frazione è tutta ad appannaggio dei cussini che si avvicinano alla marcatura in diverse circostanze ma, per merito di una grande difesa dei padroni di casa, non riescono a segnare. A togliere le castagne dal fuoco ci pensa allora il mediano Gasparello (premiato a fine gara con il 'man of the match'), che abilmente trae in inganno le guardie rossoverdi e va a schiacciare la prima meta dell'incontro.
All'ultima azione del primo tempo il CUS mette sotto enorme pressione il pack avversario che a 5 metri dalla meta viene costretto al fallo. 
Saggiamente gli universitari scelgono la via dei pali e Decina non tradisce le aspettative, portando il parziale sullo 0-10.
Nella ripresa il Roccia Rubano dimostra un cambio di mentalità e aggredisce i cussini fin dal primo minuto. Inevitabile la meta di Broggin per i padroni di casa che arriva con una bella azione ma con qualche placcaggio sbagliato di troppo.
La partita è riaperta ma è solo un fuoco di paglia, infatti dopo un lungo forcing degli ospiti a cadere nell'indisciplina è l'apertura avversaria Fanton che per la seconda volta colpisce scorrettamente Decina con un placcaggio in ritardo sotto gli occhi dell'arbitro che non può far altro che estrarre il cartellino giallo. Lo stesso Decina fallisce l'opportunità di allungare le distanze dalla piazzola ma l'inerzia è tutta a favore del CUS che capitalizza al massimo prima con la terza linea Frare, bravo a stoppare un calcio di liberazione avversario recuperando l'ovale e depositandolo sotto ai pali, e poi con una superba azione alla mano con almeno 4 off load ad alta velocità, con sostegni precisi e rapidi che portano Bortolami indisturbato a volare in meta.
Ristabilità la parità numerica e con la partita ormai in cassaforte, gli universitari si adagiano un pò permettendo il ritorno del Rubano, che però deve accontentarsi della meta della bandiera segnata da Cusinato.
Finisce 12-24, in un campo ostico dove il CUS non riusciva a portare a casa la vittoria da ben 8 anni.
Un'iniezione di fiducia importante ma di tempo per festeggiare ce ne sarà assai poco, perché domenica prossima ci sarà subito un'altra battaglia vera, quando al 'Piovego' arriverà il Mirano.
TABELLINO
Marcatori: p.t.: 34' m. Gasparello tr. Decina, 40' cp Decina; s.t.: 3' m. Broggin tr. Fanton, 16' m. Frare tr. Decina, 21' m. Bortolami tr. Decina , 25' m. Cusinato
RUBANO: Fincato, Furlan, Broggin, Ilari, Bortoletto, Fanton, Perin(10'st Marini), Marcolongo, Pavan(22' st Molinari), Targa(c), Di Malta, Lazzaretto, Cusumano(22'st Palma), Toniato(1'st Cusinato), Moro(1'st Giuriatti). A disp.: Bovo, Marcato
All. Colleselli, Palandrani, Baraldo
CUS PADOVA: Pietrantoni(c), Crivellaro(17'st Giudicianni), Scagnolari, Frezza, Bortolami, Decina, Gasparello, Fellet (35'st Bagagiolo), Frare, Torresan, Bogo, Cescon, Fantin, Di Lorenzo(30'st Di Bella), Pettenello. A disp.: Vertuani, Scanferla, Santolin, Soldati
All. Peliello, Zago

Arbitro : Meo di Roma
 



Domenica 14 gennaio si è svolto a Salerno il triangolare interregionale U14 Calabria – Area 1 e Area 2 Campania.
La Partenope ha contribuito fornendo ben 9 ragazzi alla rappresentativa di Area 1, che poi si è aggiudicata il torneo con 2 vittorie su 2.
I convocati PRJ sono stati: Ambron, Annunziata, Brandi, Borromeo, Fusco, Morgione, Miele, Scripcovshi, Valentino.
Non c’è dubbio che i nostri ragazzi hanno mostrato una preparazione tecnica e fisica superiore alla media, trascinando alla vittoria la loro rappresentativa. Applicazione tattica, trasmissione veloce della palla e continui sostegni sono le principali doti messe in campo dai nostri U14.
La prima partita con la Calabria è stata vinta per 9 mete a 2 con un primo tempo combattuto ed una ripresa dominata dai nostri.
Ancora più netta la vittoria nella seconda partita nella quale confesso di aver perso il conto delle mete segnate. Troppo ampio il divario tra le 2 formazioni per dare giudizi tecnici significativi.
L’aspetto più importante che voglio evidenziare riguarda l’atteggiamento da leader dei nostri ragazzi, consapevoli di essere il punto di riferimento della selezione e motivatori fuori e dentro il campo.
Per la statistica sono andati in meta Ambron, Annunziata, Borromeo, Brandi, Scripcovsky e Valentino, autore di ben 3 mete
Umberto Ambron, dirigente accompagnatore U14 PRJ
Che dire ecco un’altra esperienza conclusa.
Ho avuto l’opportunità di reincontrare dei miei cari compagni, che non vedevo da un bel pò, ed ho avuto anche l’opportunità di confrontarmi con nuove realtà.
Eravamo molto compatti e uniti, già dal principio non siamo partiti sconfitti, ma neanche vincitori.
Ce la siamo giocata con tutti i mezzi che avevamo, e siamo riusciti a vincere tutte e due le partite con sudore.
Bhe, ho avuto il piacere di provare un nuovo ruolo da me molto aspettato, giocare “pilone” era uno dei miei sogni, ed anche questo sogno sono riuscito a raggiungerlo.
Il prossimo è giocare “Terza centro” ma dettagli..
E ringrazio un mio caro compagno di squadra, di aver fatto un raddoppio che era la fine del mondo..!
Bhe, con questo concludo la mia sintesi di questo triangolare.
P.S è troppo bella la vita di “avanti”!

Antonio Annunziata, ala con la Partenope, pilone in selezione…

Domenica è stata una nuova esperienza per me perchè sono state le mie prime partite con la selezione campana.
La prima partita era contro la Calabria, ed erano forti però noi abbiamo giocato altrettanto bene e infatti abbiamo vinto; io in quella partita giocai fuori ruolo infatti mi hanno messo a seconda linea mentre io gioco da tallonatore, se devo essere sincero non mi piace tanto quel ruolo infatti alla partita successiva chiesi a Tagle di farmi giocare a tallonatore e mi ha accontentato.
Nella seconda partita giochiamo contro l’area beneventana, che era composta dal Quarto Circolo e dal Benevento, in questa partita giocammo meglio rispetto alla prima partita e infatti vincemmo anche quella.
Sono state delle partite molto divertenti e molto belle quindi spero di poterli riaffrontare un’altra volta.

Antonio Morgione, tallonatore con la Partenope, econda linea in selezione

UNDER 14 – TRIANGOLARE ANR – TORRE DEL GRECO E PARTENOPE JUNIOR.


Per la serie non ci fermiamo mai, lo staff U14 Partenope Junior ha organizzato sabato pomeriggio, subito dopo la fine del mega raggruppamento di minirugby, un triangolare non ufficiale ma importante per far giocare sempre i ragazzi, con gli amici di Amatori Napoli e Torre del Greco.

Gli atleti presenti PRJ:
Pagliarulo,
Fontana
Cozzolino
Esposito Gennaro
Strino
Puorto
Campo
Marasco
Carotenuto
Gombos
Grandoni
Riviera
D’amore
Mazzucchi
Tucci
Ragosta
Gallinaro
Visco

Risultati:
AP Partenope vs Amatori Napoli 17 – 5 (3 – 1)
Mete: Ragosta, Pagliarulo e Marasco
Trasformazione Puorto
AP Partenope vs Amatori Torre del Greco 5 – 5 (1 – 1)
Meta Ragosta
Di seguito i commenti di alcuni dei protagonisti in campo:
Nel triangolare di sabato abbiamo giocato pensando ognuno a se stesso. C’è stato poco gioco di squadra e, come ha detto Niko, dovevamo sia attaccare che difendere insieme. Infatti quando abbiamo “aperto” il pallone fino all’ala siamo andati in meta e se avessimo difeso insieme potevamo anche evitare le mete subite. Non abbiamo comunicato fra noi e anche se abbiamo vinto e pareggiato le due partite, dobbiamo crescere ancora, anche perché dobbiamo conoscerci meglio.
Pasquale Campo, tre-quarti 2° centro

Una partita combattuta dall’inizio del primo tempo con una meta senza trasformazione. Mi è piaciuto giocare con le regole della under 16 nella partita contro il Torre e la meta conquistata. A bordo campo abbiamo sostenuto la squadra ed eravamo tutti impegnati a seguirne le azioni.
Giuseppe Cozzolino, 2^ linea, e pilone all’occorrenza. (foto di Dario Carotenuto)

Union Riviera Rugby ancora sconfitta, ma ora si volta pagina

Il gruppo della Seniores Union Riviera Rugby si sta faticosamente ricostruendo anche grazie a ritorni e nuovi ingressi, da Sciascia a Natali, quest’ultimo figlio d’arte. La prova era improba, ma esemplare: il CUS Pavia è partito in sordina nella scorsa stagione, è cresciuto nel tempo con giocatori giovani e tre quarti che hanno accumulato esperienza. E quindi la posizione di secondi in classifica nel girone, con lo scalpo degli Amatori in bacheca, fa riflettere. Sotto certi punti di vista, un esempio da seguire, anche se il discorso Union è di franchigia e la prospettiva è quella di intercettare nel tempo giocatori da Vallecrosia all’area ingauna, formati nel tempo anche dal sistema provinciale. 

(foto da archivio di Claudio Valente)

La creazione del gruppo vuol dire lavorare con impegno. La società punta soprattutto sulla formazione tecnica, sia di chi c’è già sia di chi sta studiando, da Moschetta a Pozzati, tanto per fare nomi. Figure pratiche le quali si associano a chi già sta dando molto alla causa, e qui i nomi non servono perché li leggete ogni settimana. Si sta lavorando anche ad un nuovo modello di gioco che sia un marchio di fabbrica per formare giocatori da quando si inizia a fare sul serio (under 16) fino a livello nazionale. Di fatto, è il “dopo Masson”. Il nuovo calendario del girone “salvezza” potrebbe portare nuovi stimoli: squadre sicuramente alla portata, Cogoleto che vive e combatte ancora con onore (meriterebbe una medaglia al merito sportivo), San Mauro già noto, ma “arrivano i piemontesi” e c’è curiosità. È probabile anche un momento di riflessione sulla disciplina di gioco, perché a Pavia ci sono state troppe punizioni a sfavore e con tutto che i pavesi non sono squadra che tende alla provocazione, ma almeno fino al recente passato hanno sempre dimostrato una dimensione “olimpica” pronunciata.
Note rilevanti: manca ancora Barbotto, ma ritorna Ferrua l’inossidabile. Bella terza linea. Felici per un Dalpiaz di nuovo in campo. Calzia ritorna estremo. Il pilone Franzi, nei suoi scarni comunicati sulle piattaforme sociali è concreto come lo è nella vita e nel lavoro: prendo atto, si volta pagina.

Union Riviera Rugby in campo con: Franzi, Moschetta, Masetto; Ferrua, Cecon; Damiano, Bellifiori, Novaro; Zat, Pozzati, Trucco, Dalpiaz Gambini, Demasi, Calzia. A disposizione: Vazio, Semeria, Sciascia, Righetti, Natali e Gandolfo.

SERIE C1 – GIRONE D POULE 2 (V GIORNATA RITORNO )
Savona – CFFS Cogoleto   29/6
CUS Pavia – Union Riviera 66/0
Amatori Genova – San Mauro  54/19

CLASSIFICA: Amatori Genova punti 45, CUS Pavia 42, Savona  32, San Mauro 22, Union Riviera 10, CFFS Cogoleto & P.O. punti 0. (Alessandro Giacobbe)

Arianna Cagali, dal Rugby Mantova alla Nuova Zelanda

E’ stata una delle protagoniste della stagione fin qui quasi perfetta delle ragazze di coach Filippo Santoro, impegnate in Coppa Italia di rugby a 7. Arianna Cagali dovrà salutare, però, presto le proprie compagne dato che a breve partirà per la Nuova Zelanda per accrescere il proprio bagaglio umano e sportivo. Prima di partire, l’ala biancorossa ci ha tenuto a trarre un bilancio delle prime quattro tappe del torneo:

 “Io e le mie compagne siamo molto soddisfatte del nostro cammino in Coppa Italia, soprattutto della prestazione messa in campo nell’ultima tappa. E’ stato un percorso in crescendo, anche dal punto di vista dell’atteggiamento e della concretezza mentale. Questi aspetti si sono tradotti in risultati sul campo, con meno errori e un gioco fluido, che rispecchia il duro lavoro che svolgiamo in settimana. Ho molta fiducia  sulle potenzialità in questo gruppo. Sono stati compiuti grandi miglioramenti nell’ultimo anno, quindi sono sicura che anche senza di me sapranno farsi rispettare sul campo”.

Arianna partirà per la Nuova Zelanda la settimana prossima: “Sarò impegnata fino a luglio al Northcote College con lo studio e lo sport, visto che giocherò con la squadra di rugby della scuola. Avrò modo di allenarmi e giocare le partite di campionato anche col club locale dell’East Coast Bays Rugby. Ho grandi aspettative per questa esperienza, mi aspetto di tornare arricchita umanamente e sportivamente. Cercherò di colmare i miei vuoti tecnici e cercherò di crescere quanto più possibile!”.

Dopo la "botta" dell'accesso alla poule promozione sfuggito per un solo punto, è subito tempo di guardare avanti e ricominciare a giocare per la Tossini Pro Recco Rugby: la Federazione ha appena reso noto il calendario della 2^ fase del torneo cadetto e si torna in campo subito, domenica 21 gennaio.

"La sconfitta di misura di Genova, che ci è costata il terzo posto finale nella prima fase, deve per forza essere già alle spalle - spiega determinato coach McLean - perchè ora abbiamo altre dieci partite davanti e dobbiamo far sì che siano uno strumento fondamentale di crescita e la base per la prossima stagione. Ci siamo dati come nuovo obiettivo la vittoria della nostra poule e, soprattutto, il vincere il maggior numero possibile di partite, per portare avanti con grande motivazione e concentrazione il lavoro che abbiamo iniziato. vedo i ragazzi carichi e determinati a fare bene e a trasformare questa delusione in qualcosa di importante e costruttivo in chiave futura".
I biancocelesti, al primo anno di un nuovo corso, con un nuovo tecnico, un nuovo sistema di gioco e tanti giocatori giovani, non avevano iniziato la stagione con obiettivi prefissati, se non la crescita sia di squadra che individuale per gettare le basi del nuovo progetto. Dopo un inizio difficile però, i cui punti lasciati per strada sono stati pagati a caro prezzo alla fine, i progressi fatti e le vittorie conquistate avevano rimesso la squadra in gioco per il terzo posto in classifica, valevole per accedere alla poule promozione per la 4^ stagione consecutiva. Purtroppo questo traguardo è sfumato sul filo di lana ed in modo quasi beffardo, con una sconfitta per 20-19 che, con la concomitante vittoria dell'Accademia a bottino pieno a Torino, ha visto gli Squali chiudere quarti, ad un solo punto dai ragazzi della FIR.

Ora, dunque, McLean e i suoi ragazzi ripartono dalla Poule 3 e da altre 10 partite, senza pressioni da classifica (quest'anno non ci sono retrocessioni), ma con una motivazione tutta nuova da portare avanti guardando al futuro: "è fondamentale essere motivati e pensare sempre che stiamo facendo qualcosa di importante, lasciarci alle spalle la delusione per quello che abbiamo mancato di poco e concentrarci su quanto possiamo costruire per la prossima stagione. Lavoreremo tantissimo, insistendo particolarmente sul possesso palla e sul gioco da fare per mantenerlo molto di più rispetto a quanto abbiamo fatto finora".
Il campionato degli Squali riparte dal campo di casa: domenica 21 gennaio, alle 13.30 (un'ora di anticipo rispetto all'orario ufficiale), contro la Primavera, l'unica compagine romana rimasta in serie A. Arbitra il Sig. Palladino di Torino.
"Siamo contenti di giocare subito in casa - conclude il tecnico neozelandese - e abbiamo voglia di rimetterci in gioco, di vincere e di inseguire i nostri nuovi obiettivi. Sappiamo che ci aspetta un avversario ostico, che nella prima fase ha perso diverse partite di misura, che è sempre concreto, fisico e non molla mai".
Nel week end scenderanno in campo anche altre compagini biancocelesti: l'U18 élite giocherà a Settimo Torinese (domenica, ore 12.30), l'U16 a Recco nel derby contro il CUS Genova (domenica, ore 11.00), l'U14 a Genova Prà vs Amatori Genova e Prov. Ovest (sabato, ore 14.30) e l'U12 al Carlini di Genova (domenica, ore 10.00). (Emy Forlani)
Serie A, 2^ fase, poule 3, giornata 1
Pro Recco - Primavera (13.30) (Palladino)
VII Torino - CUS Torino (Schipani)

Rugby Perugia - Gran Sasso (Chirnoaga)

Il campionato è fermo, ma le nostre attività proseguono! In particolare, vogliamo presentare ufficialmente un progetto che sta molto...